italiano | Deutsch
MDM HOME - AGENZIA IMMOBILIARE

topPane

News

Acquisto di immobile - nuda proprietà | usufrutto. Informazioni utili.

 

La nuda proprietà è in genere un'opzione di investimento piuttosto gettonata per chi punta sulla rivalutazione del mattone nel lungo periodo, senza avere immediate necessità né abitative, né di redditività immediata.

Chi vende soddisfa il proprio interesse di ricavare della liquidità senza lasciare la casa in cui abita. Se, peraltro, ho anche un'altra casa in cui abito, la posso come usufruttuario mettere a reddito ed arrotondare anche la mia pensione.

Chi compra acquista ad un prezzo ridotto rispetto ad un classico acquisto di proprietà piena. Solo con il venir meno dell'usufruttuario, il nudo proprietario diviene proprietario pieno e può andarci ad abitare oppure mettere l'appartamento a reddito. Lo si fa come investimento ad esempio in vista di dare la casa ad un figlio che al momento è ancora piccolo o non necessità nell'immediatezza di un appartamento in cui andare a vivere.

 

Quali sono gli oneri fiscali?

Chi compra una nuda proprietà paga le imposte indirette secondo le aliquote ordinarie: quindi se ha i requisiti prima casa paga il 2% sul prezzo o valore catastale, se seconda casa, paga il 9%. Naturalmente la base imponibile è ridotta in quanto decurtata del valore dell'usufrutto calcolato in base a delle tabelle allegate al TU in tema di imposta di registro.

Per quanto riguarda invece gli oneri successivi all'acquisto, le spese di imposte dirette (IMU, IMI, TASI...) e le spese condominiali, oltre quelle di manutenzione ordinaria sono a carico dell'usufruttuario. Solo quelle straordinarie sono a carico del nudo proprietario.

 

A chi e perchè conviene?

Per l'acquirente conviene in quanto compra ad un prezzo di gran lunga più basso di quello del mercato.

Per il venditore conviene in quanto ricava subito un gruzzoletto di denaro e non deve uscire di casa. Non deve restituire nulla come nel muto. In alternativa può chiedere, a titolo di corrispettivo, anche una rendita mensile o una assistenza morale e materiale a seconda delle esigenze. Ma in questi casi i rischi di inadempimento da parte dell'acquirente sono più elevati e starà al notaio prevedere delle clausole di salvaguardia della posizione del venditore.

 

MDMHOME - Info e news.

 

Fonte Idealista.it